La via migliore per vincere la paura è attraversarla

foto 1

I bambini di classe terza e quinta hanno partecipato al progetto ” i Pacifici: truppette formate da sagome disegnate e colorate dagli alunni stessi”.

L’iniziativa nasce il primo marzoa Drizzona (Cremona), nella giornata a ricordo del Maestro Mario Lodi. In quell’occasione,Roberto Papetti, giocattolaio amico di Lodi e di Gianfranco Zavalloni – pedagogista le cui parole illuminano il lavoro di tanti insegnanti – presentò delle sagome militaresche, ma con fiori al posto delle armi.

Ed ecco la proposta:lavorare con i bambini sui temi della Pace, dell’inclusione e della cittadinanza attiva, seguendo un percorso di consapevolezza sull’importanza di questi temi.

I nostri Pacifici verranno esposti il 24 e 25 ottobre, a Bastia umbra (Perugia) nel corso del V° Convegno nazionale dal titolo “L’EDUCAZIONE PRENDE CORPO. Imparare in tutti i sensi”.

Poi, visti i tristi fatti accaduti a Parigi, all’ Istituto Farina di Cittadella  si è deciso di affrontare il tema del terrorismo.

I ragazzi al mattino si sono messi subito a parlare dell’argomento tra loro,  molto preoccupati e scossi .

Per non far pensare troppo ai fatti accaduti, le  maestre hanno fatto realizzare  ai  ragazzi dei “Pacifici”, dei soldati creati con carta  che portano  la pace e sparano fiori colorati.

Successivamente i ragazzi di 5° ne hanno anche parlato in classe con la maestra Valentina.

Anche a ricreazione prima della partita, gli alunni  hanno osservato un minuto di silenzio in ricordo delle persone morte .

Poi in classe la maestra Valentina ha letto un mito cinese che narrava che un giorno il sole si frantumò in mille pezzi e governavano le tenebre; gli alunni hanno fatto  un paragone con i fatti accaduti . Ognuno ha pensato ad un modo concreto per raccogliere “frammenti di sole” per ricostruire lentamente la luce.

Tutti possiamo fare qualcosa per realizzare la pace.